Manifestazione contro l’inquinamento del Sarno

Stamattina dalla villa comunale di Scafati si è svolta una manifestazione popolare per sollecitare gli enti preposti e l’Amministrazione Comunale per cercare di risolvere l’emergenza “SARNO”.

Il Sarno, nonostante non sia lunghissimo (appena 24 Km) è il fiume più inquinato di Italia e tra i primi in Europa. In esso, tramite anche i torrenti Solofrana e Cavaiola vi si scarica di tutto e di più coinvolgendo una popolazione di circa un milione di abitanti.

Tale situazione si protrae da decenni: lo stato di emergenza è stato dichiarato con Decreto del Presidente della Repubblica in data 14 Aprile 1995, passando poi per la varie nomine dei Commissari Regionali.

Alla fine, come ogni cosa italiana, tutto cambia e tutto resta uguale…

Stamane alcune centinaia di cittadini anche con famiglie hanno dato vita ad una manifestazione che si è conclusa sulla rotatoria dell’uscita dell’autostrada Pompei-Scafati.

Secondo alcuni carabinieri l’arrivo sul confine del Comune non era autorizzato ma, saggiamente, hanno lasciato correre; solo quando qualcuno riteneva di portare il corteo a Pompei è stato spiegato loro dalle forze dell’ordine che non era possibile poiché, oltre ad essere un altro comune e che non aveva autorizzato il corteo, la competenza territoriale era del Prefetto di Napoli e ci sarebbe state ripercussioni anche penali; a quel punto la manifestazione è continuata sulla rotatoria creando qualche disagio agli automobilista in uscita e in entrata del casello.

Volendo approfondire quanto riportato dalla protezione civile cliccare qui.

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •